Il Ruolo della CIA nell’influenzare i Media

CIA Mainstream 1

Parte 1: Il ruolo straordinario della CIA nell’influenzare i media liberali Daily Kos, The Daily Beast, Rolling Stone

Di Dick Russell

In qualità di giornalista investigativo e autore di lunga data, ho passato buona parte della mia carriera alla ricerca sulla corruzione all’interno delle agenzie di intelligence statunitensi. Sono stato comunque sorpreso di apprendere del ruolo centrale della Central Intelligence Agency (CIA) nella creazione della risposta governativa militarizzata alla pandemia di COVID-19 , che Robert F. Kennedy, Jr. documenta nei capitoli finali del suo nuovo best-seller in fuga, “ Il vero Anthony Fauci. 

Conosco Kennedy da più di due decenni. L’ho intervistato e collaborato con lui su articoli ambientali e diversi libri, tra cui “Climate In Crisis”. Ho grande rispetto per il suo lavoro legale e per i risultati della sua Waterkeeper Alliance in corso. E apprezzo la sua dedizione nell’avvertire il pubblico sulle narrazioni alternative legate alla pandemia.

Sono completamente vaccinato e credo nell’efficacia dei vaccini. Tuttavia, in quanto liberale fondamentale con una profonda riverenza per il Primo Emendamento e il diritto consacrato alla libertà di parola, mi sono allarmato che i siti di social media, inclusi Instagram e YouTube, abbiano vietato a Kennedy di sottolineare i difetti nelle narrazioni dominanti che circondano la “Covid-Crisis”.

Dal mio punto di vista, Kennedy è stato falsamente denigrato come un “teorico della cospirazione” contro la disinformazione anti-vaccinazione. La censura totale da parte dei media mainstream sembra proibirgli di rispondere a tali attacchi.

E mi disturba che i media liberali un tempo idealisti si siano trasformati in apologeti dell’industria farmaceutica (compresi i suoi tecnocrati della salute pubblica catturati), così come il loro soffocamento di qualsiasi dissenso. Perché il vetriolo contro Kennedy, mi sono chiesto, da importanti siti web di notizie liberali come Daily Kos, The Daily Beast e, più recentemente, Rolling Stone?

A The Daily Beast titolo compare un anno prima il set di pandemia il tono (8 febbraio 2019): “Robert F. Kennedy, Jr. becchi la sua folle anti-vaxxer teoria della cospirazione in morbillo zona calda.”

Sembrando prendere in prestito una pagina dai manuali di propaganda della CIA, i blog liberali hanno utilizzato il tropo caratteristico di rappresentare l’opposizione alla teologia ufficiale come il pericoloso prodotto dell’estremismo di destra.

Dopo che Kennedy ha tenuto un discorso a Berlino nell’agosto 2020, The Daily Beast ha affermato falsamente che gli organizzatori dell’evento erano uno “Strano gruppo tedesco Pro-QAnon dietro l’ultima acrobazia anti-vaxx di RFK Jr.”.

In sincronia, il Daily Kos ha titolato una storia di uno dei suoi collaboratori regolari, DowneastDem, “Anti-Vaxxer RFK JR. si unisce ai neonazisti nella massiccia protesta “Anti-Corona” di Berlino”. Kennedy ha reagito intentando una causa per diffamazione contro il Daily Kos e il suo autore pseudonimo. In effetti, al “Rally per la pace e la giustizia” di Berlino avevano partecipato un milione di europei pacifici di ogni etnia che protestavano contro quella che consideravano l’imposizione globale di controlli totalitari e cercavano il ripristino della democrazia, della tolleranza (lo striscione sul palco era un gigantesco murale del Mahatma Gandhi e il MC era un ghanese nero), garanzie costituzionali e diritti civili – l’opposto del nazismo.

L’ostilità contro Kennedy è aumentata solo quando la sua importanza nella resistenza è cresciuta.

“La sua ciarlataneria ha probabilmente ucciso delle persone”, ha affermato il Daily Kos . Un altro post diceva: “È un individuo contorto e malato che si è preso gioco dell’eredità della sua famiglia. La sua stessa famiglia ha preso le distanze, definendolo “pericoloso”, come se avesse la peste, perché probabilmente ce l’ha. Forse anche più di una piaga. È, infatti, contro tutte le vaccinazioni”.

Chiunque abbia seguito le opinioni sfumate, misurate e ben informate di Kennedy sulla scienza potrebbe riconoscere tali caratterizzazioni sophomore come “propaganda di disinformazione”.

Eppure la metamorfosi liberale appare così completa che Public Citizen, un gruppo di advocacy che un tempo serviva da flagello per Big Pharma , sta usando le sue risorse legali deducibili dalle tasse per difendere il Daily Kos pro bono contro la causa di Kennedy . Il sostegno del Daily Kos alla censura del dibattito sulle contromisure COVID del governo smentisce la logica di Public Citizen secondo cui la sua passione per la difesa del Primo Emendamento ha spinto la sua decisione a difendere Daily Kos.

Quindi, come ha fatto il cartello Pharma a catturare i media liberali? Il rapimento è stato multiforme.

Nel suo nuovo libro , Kennedy mostra come l’impiego di 9,6 miliardi di dollari in spese pubblicitarie annuali da parte di Pharma le permetta di dettare i contenuti nei punti vendita elettronici e cartacei, trasformando le reti tradizionalmente liberali ABC, NBC, CBS e CNN in veicoli di marketing e propaganda.

Con 319 milioni di dollari in donazioni strategiche , Bill Gates ha contemporaneamente acquisito il controllo dei cosiddetti media “indipendenti” come NPR, televisione pubblica, The Guardian e dozzine di altri media liberali “senza pubblicità” che ora possono essere utilizzati per promuovere una biografia. -l’agenda sulla sicurezza in generale e sui vaccini di Gates in particolare. Questo è stato ben documentato in pubblicazioni che vanno dal Los Angeles Times nel 2007 a The Nation nel 2020-21. La mia indagine suggerisce che Pharma e Gates abbiano un potente partner clandestino che ha reso ermetica l’egemonia dei media del complesso medico-industriale attraverso la loro apparente penetrazione nei principali siti di notizie online liberali. È anche ben documentato , anche se spesso dimenticato, che sin dal suo inizio più di 70 anni fa, la CIA ha orchestrato notizie e copertura editoriale negli organi di informazione nazionali liberali più influenti d’America: Washington Post, New York Times e TIME. Questi punti vendita continuano a seguire fedelmente la teologia della CIA su globalismo, biosicurezza, vaccinazioni coercitive, Russiagate, politica estera militarizzata, censura, blocchi, passaporti vaccinali, valute digitalizzate e altre questioni. La mia indagine per The Defender indica che i critici più al vetriolo di Kennedy tra i giornali online liberali potrebbero anch’essi essere caduti sotto l’influenza dell’apparato di intelligence. In ” The Real Anthony Fauci “, Kennedy espone gli allarmanti coinvolgimenti di Pharma con la CIA, gli sviluppatori di armi biologiche, i tecnocrati medici e i baroni ladri della Silicon Valley. La mia ricerca ha rivelato che le agenzie militari e di intelligence godono di collegamenti inquietanti con i principali editori di Daily Kos, The Daily Beast e Rolling Stone, il che potrebbe spiegare perché queste riviste si siano recentemente trasformate in commissari ideologici per le ortodossie ufficiali del cartello farmaceutico, campioni della biosicurezza paradigma e censura contro i critici dello stato di biosicurezza.

“Ecco un piccolo segreto di cui non credo di aver mai scritto”

Markos Moulitsas Zúñiga, fondatore e volto pubblico del Daily Kos per due decenni, è nato a Chicago nel 1971 da padre greco e madre salvadoregna. All’età di quattro anni, il padre di Markos si trasferì con la sua famiglia in El Salvador durante la brutale guerra civile sponsorizzata dalla CIA.

L’oligarchia feudale e omicida del paese, con l’assistenza del governo degli Stati Uniti, stava ferocemente reprimendo un movimento per i diritti civili da parte dei suoi contadini oppressi.

Il progetto salvadoregno della CIA è stato il conflitto inaugurale nella famigerata “Guerra ai poveri” dell’agenzia in tutto il Centro America. Squadre della morte controllate dalla CIA e battaglioni militari salvadoregni addestrati dagli Stati Uniti hanno devastato circa 90.000 contadini, intellettuali, preti e suore cattolici, studenti e leader sindacali per fortificare le posizioni degli oligarchi feudali alleati con le multinazionali statunitensi. Il senatore statunitense Chris Dodd, un critico contemporaneo del ruolo omicida della CIA in Salvador, ha respinto le affermazioni egoistiche del governo salvadoregno secondo cui stava combattendo i comunisti.

“Solo una piccola, piccola frazione dei poveri assassinati erano comunisti”, ha detto Dodd a Kennedy. “Praticamente tutte le vittime erano civili disarmati, per lo più contadini in cerca di fuga da un barbaro servitù feudale”. Dodd ha continuato: “Non è stata una guerra civile, è stato un massacro”. Dodd è attualmente il direttore del Dodd Center for Human Rights presso l’Università del Connecticut.

Il padre di Moulitsas evidentemente si schierava dalla parte degli oligarchi e dell’Agenzia. Il giovane Markos ha poi riflettuto sulla sua esperienza :

“In realtà sono cresciuto in una zona di guerra. Ho visto guerriglie comuniste giustiziare studenti accusati di essere collaboratori del governo. Avevo 8 anni e ricordo di aver scavalcato un cadavere, con sangue caldo che sgorgava da una ferita fresca. Schivare i proiettili mentre si è al mercato. Ho vissuto in mezzo all’odio, cose del genere che la maggior parte di voi non capirà mai. Non potrei mai descrivere i modi in cui questa esperienza colora la mia visione del mondo”.

Quando i combattenti ribelli si sono appropriati della casa dei Moulitsas per il loro quartier generale, racconta Markos, i suoi genitori hanno ricevuto una busta contenente la sua fotografia e quella del fratello minore che saliva su un autobus. Quella minaccia appena velata ha spinto la sua famiglia a tornare nei sobborghi di Chicago.

Moulitsas si arruolò nell’esercito degli Stati Uniti a 17 anni, trascorrendo il suo servizio come ricognitore di artiglieria per un’unità missilistica in una piccola città tedesca e schivando “per un pelo” lo schieramento nella Guerra del Golfo. In seguito ha riflettuto che “non sarei la persona che sono oggi senza il mio servizio militare”.

Durante un momento confessionale al Commonwealth Club di San Francisco nel 2006, Moulitsas ha riconosciuto che a un certo punto, dopo il suo congedo, si è arruolato nella CIA, entrando nel rigoroso programma di addestramento dell’agenzia, sperando di diventare una spia sotto copertura: “Quindi, ho fatto domanda alla CIA e sono andato fino alla fine, voglio dire che era al punto in cui stavo per firmare i documenti per diventare [parte dei] Servizi Clandestini. Questa e altre osservazioni di Moulitsas sono state registrate su un’audiocassetta, la cui trascrizione appare ora online .

Come molti giornalisti che hanno iniziato la loro carriera lavorando per la CIA, Moulitsas afferma di aver lasciato l’agenzia prima di dedicarsi al giornalismo. ( Anderson Cooper fa la stessa affermazione.) È quasi sempre impossibile accertare la verità, ma la storia di Moulitsas ha alcune incongruenze interne.

Moulitsas sostiene di aver abbandonato i suoi sogni della CIA perché il lavoro gli avrebbe richiesto di vivere, almeno brevemente, a Washington, DC, un luogo che dice di detestare. (Nota bene: la CIA, ovviamente, invia la maggior parte dei suoi agenti sotto copertura in località fuori Washington, DC)

Egli ha detto:

“Ed è stato a quel punto [nel 2001] che la campagna di Howard Dean è decollata e ho dovuto prendere una decisione se mi sarei unito alla campagna di Howard Dean… o se sarei diventato una spia. (Risate tra il pubblico.)”

Ad un certo punto prima della campagna di Dean, Moulitsas si è improvvisamente trasformato da repubblicano conservatore di destra a democratico a tutti gli effetti.

Ha detto

“All’inizio sarebbe stata una decisione difficile, ma poi la CIA ha insistito sul fatto che, se mi fossi unito a quella, avrebbero voluto che svolgessi il primo incarico di servizio a Washington, DC, e io odio Washington, DC”

C’è un evidente difetto nella storia di Moulitsas: se Dean avesse vinto, Moulitsas sarebbe ovviamente tornato nella sua disprezzata Washington, DC

Prima del crollo politico di Dean all’inizio del 2004, Moulitsas si trasferì a ovest nella Silicon Valley in un momento in cui la CIA stava prendendo d’assalto Internet. Lì, come project manager in una start-up di sviluppo web, ha incontrato e sposato Elisa Batista, giornalista di Wired.

Come mostra Kennedy nel suo libro , Wired fungeva da newsletter esterna per la comunità dell’intelligence statunitense, che si era fortemente interessata all’infiltrazione nella Silicon Valley sin da prima della nascita di Internet. Le agenzie militari e di intelligence statunitensi hanno lanciato Internet per la prima volta costruendo la rete ARPANET nel 1969. La CIA ha istituito un vasto fondo di investimento chiamato In-Q-Tel , che ha utilizzato per alimentare l’eruzione dell’industria tecnologica della Silicon Valley finanziando una vasta gamma di tecnologie startup con potenziale di intelligence.

Nel maggio 2002, Markos Moulitsas aveva fondato il suo blog, chiamandolo “ Daily Kos ” dal suo soprannome militare. Nel giro di due anni, Moulitsas ha attirato un vasto pubblico di lettori e ha fatto del blog la sua occupazione a tempo pieno. Un organizzatore di talento, Moulitsas si è nascosto profondamente nella struttura di potere del Partito Democratico. Ha promesso di schierare eserciti di cyber guerrieri per dirottare il Partito Democratico lontano dai suoi costituenti fondamentali – Big Labour, avvocati processuali e leader dei diritti civili – l’establishment inefficace, incompetente e antiquato del Partito Democratico” – e trasformarlo nel parte dei Big Data/Big Tech.

Moulitsas ha detto:

“Non possiamo più aspettare che il Partito Democratico si riformi e ci guidi in una nuova era di successo elettorale… Le radici di rete, la base, la base progressista dell’America – devono agire ora per riprendersi il nostro partito e il nostro paese … La tecnologia ha aperto il regno precedentemente chiuso della politica attivista alla gentaglia come noi.”

Sfondare il cancello

Usando il suo blog per organizzare campagne di raccolta fondi per i candidati democratici in tutto il paese, Moulitsas ha dato ai politici di alto rango uno “spazio diario”, ha istituito una convention annuale di Kos per i blogger ed è diventato una voce aspra e polarizzante di una nuova versione basata sulla tecnologia della sinistra- ala liberalismo.

A metà del 2018, Daily Kos era diventato il più grande blog della comunità liberale del paese, con circa 8 milioni di spettatori unici al mese e 2,3 milioni di utenti registrati. I mass media “liberali” hanno celebrato il suo fondatore in dozzine di profili adulatori che ha coltivato.

Per anni, Moulitsas è riuscito a nascondere un fatto biografico chiave nonostante una miriade di articoli e agiografie dettagliate che lodano la sua ricreazione del liberalismo.

Moulitsas ha riconosciuto pubblicamente il suo contatto con la CIA solo durante un momento in cui la circostanza lo ha convocato per difendere l’agenzia dalle dure valutazioni di un moderatore durante la sua apparizione al Commonwealth Club del 2 giugno 2006.

Il ruolo della CIA in circa 73 noti colpi di stato contro governi prevalentemente democratici tra il 1947 e il 2000 – un terzo dei governi del mondo – aveva fatto guadagnare all’agenzia la condanna dei liberali per decenni.

Nella sua domanda di apertura a Moulitsas, il moderatore del Commonwealth Club si è chiesto perché i media liberali fossero improvvisamente diventati dolci con la CIA:

“[Non] molto tempo fa, i liberali detestavano la Central Intelligence Agency come nemica dei governi democratici e hanno installato dittatori in tutto il mondo, e in questi giorni si leggono i giornali e le persone di sinistra si stanno mobilitando in difesa della CIA e sono indignati quando la CIA viene politicizzata. Com’è possibile che improvvisamente i liberali difendano la CIA?”

In un primo momento, Moulitsas balbettò in risposta:

“Non lo so.” L’interrogante ha insistito: “Trovi strano o ironico questo amore improvviso per la CIA?”

Sotto questa pressione, Moulitsas ha spifferato la verità:

“Ecco un piccolo segreto di cui non credo di aver mai scritto.”

Moulitsas ha descritto il suo incarico presso l’agenzia come un breve flirt interrotto solo dalla sua improvvisa passione per Howard Dean.

Moulitsas tossì mentre si lanciava nella sua entusiastica difesa dell’agenzia con, ovviamente, falsità:

“Penso che molte persone che hanno avuto problemi con la CIA, voglio dire che fosse una minoranza molto rumorosa. Penso che la maggior parte delle persone non ci abbia pensato molto, giusto? Non era proprio sui loro schermi radar, nel modo in cui lo è ora, perché ora siamo in questa enorme guerra [Iraq], ed era la CIA che stava avvertendo l’amministrazione [Bush] contro l’invasione perché non c’erano armi di distruzione di massa”.

Questa, ovviamente, era la classica disinformazione. In effetti, la CIA nel 2003 stava, come al solito, spingendo aggressivamente per la guerra. L’agenzia ha svolto un ruolo diretto e riprovevole nella fabbricazione di intelligence per ungere i pattini per l’invasione dell’Iraq del presidente Bush. Durante il periodo precedente l’attacco, il direttore della CIA George Tenet assicurò notoriamente al presidente Bush che Saddam possedeva un arsenale segreto di armi di distruzione di massa. Ha detto: “Non preoccuparti, è una schiacciata”.

George W. Bush in seguito disse che il suo peggior errore durante i suoi anni alla Casa Bianca era stato ingoiare le garanzie della CIA. Egli ha detto:

“Il più grande rammarico di tutta la presidenza deve essere stato il fallimento dell’intelligence in Iraq. Molte persone hanno messo a rischio la loro reputazione e hanno affermato che le armi di distruzione di massa sono un motivo per rimuovere Saddam Hussein”.

Apparentemente supponendo l’analfabetismo del suo pubblico del Commonwealth Club, Moulitsas ha continuato a descrivere la CIA come “un’istituzione molto liberale”. Egli ha detto:

“E in molti modi, attrae davvero persone che… vogliono rendere il mondo un posto migliore… Certo, hanno le loro operazioni sporche e questo e quello, ma come istituzione stessa la CIA è davvero interessata a un mondo stabile… E i mondi stabili non vengono creati destabilizzando regimi e creando guerre.

“Il loro [sic] lo ha fatto con altri mezzi. Assassinio [di] leader sindacali… sto scherzando! Non credo sia una cosa molto di parte volere un mondo stabile. E anche se stai proteggendo gli interessi americani, voglio dire che a volte può diventare brutto, ma in generale penso che il loro cuore sia nel posto giusto. Come organizzazione, il loro cuore è nel posto giusto. Non ho mai avuto problemi con la CIA. Non avrei problemi a lavorare per loro”.

Operazione Mockingbird

Nel 1948, l’anno dopo la sua fondazione, la CIA creò un programma top secret – Operazione Mockingbird – per esercitare influenza sui media americani. Fin dall’inizio, questo progetto clandestino è stato un’altra delle imprese fuorilegge della CIA. Lo Smith-Mundt Act del 1948 aveva illegale l’uso dei fondi della CIA per trasmettere propaganda agli americani. Quando un’indagine del Congresso a metà degli anni ’70 rivelò per la prima volta l’esistenza dell’Operazione Mockingbird, gli americani scioccati appresero che i principali collaboratori della CIA dell’agenzia includevano il proprietario del Washington Post Philip Graham; il proprietario della CBS William Paley; l’editore di Time-Life Henry Luce; i migliori redattori del New York Times e Joseph Alsop, la cui colonna influente è apparsa in più di 300 giornali.

Il direttore della CIA Allen Dulles supervisionò la rete illegale di Mockingbird fino a quando lo zio di RFK Jr., il presidente John Kennedy, lo licenziò alla fine del 1961. A quel punto, Mockingbird impiegava “circa 3.000 dipendenti e dipendenti della CIA… impegnati in sforzi di propaganda”.

L’agenzia ha incaricato i suoi giornalisti di scrivere articoli che promuovono l’espansione del complesso militare-industriale e lo stato di sicurezza nazionale e li ha premiati con informazioni classificate per rendere più vivaci i loro “scoop”.

La CIA ha anche istituito una formazione giornalistica formale per le sue spie, inserendole in riviste chiave e alimentando le loro carriere. L’agenzia ha promosso narrazioni di propaganda, tra cui la rappresentazione di contadini salvadoregni assassinati come comunisti sotto il controllo sovietico, e ha scoraggiato i giornali dall’approfondire le atrocità della CIA come gli omicidi di massa dell’agenzia di decine di migliaia di contadini vietnamiti, leader buddisti e intellettuali ( Operazione Phoenix). La sua orchestrazione del massacro di un milione di civili indonesiani; il suo assassinio politico, l’addestramento alla tortura e i progetti di cambio di regime in tutta l’America Latina ( Operazione Condor), Africa e Asia; le sue operazioni di spaccio di crack e di contrabbando di droga; e il suo ruolo nel rovesciamento dei governi democratici in Cile, Guatemala, Iran, Iraq e altrove.

I giornalisti affiliati alla CIA sono stati determinanti nel sopprimere le domande sul ruolo della CIA nell’assassinio di Kennedy – anche se l’ex capo dell’agenzia, Allen Dulles (che ha osservato con soddisfazione dell’omicidio di JFK: “Quel piccolo Kennedy … pensava di essere un dio”), ha creato e difeso la narrativa ufficiale dello “sparatutto solitario” dalla sua sedia che dirigeva la Commissione Warren .

Nel novembre del 1963, l’editore esecutivo di Life Magazine CD Jackson – una risorsa della CIA di lunga data – acquistò il film originale di Zapruder, pubblicò fotogrammi selezionati che sostenevano la teoria del pistolero solitario, quindi chiuse l’originale in un caveau per preservarlo dalla vista del pubblico.

Jackson ha anche negoziato i diritti esclusivi per la storia di Marina Oswald e ha arruolato un ghostwriter della CIA per rafforzare l’ortodossia ufficiale della Commissione Warren.

La CIA ha coniato il termine “teoria della cospirazione” per screditare coloro che mettevano in dubbio il Rapporto Warren. Un documento della CIA del 4 gennaio 1967 pubblicato sotto il Freedom of Information Act descrive le strategie dell’agenzia su come combattere i critici del Rapporto Warren.

Il rapporto diceva:

“Impiegare risorse di propaganda per negare e confutare gli attacchi dei critici. Recensioni di libri e articoli di approfondimento sono particolarmente appropriati per questo scopo. Gli allegati non classificati a questa guida dovrebbero fornire materiale di base utile per il passaggio alle attività. Il nostro stratagemma dovrebbe evidenziare, per quanto applicabile, che i critici sono (I) sposati con teorie adottate prima che le prove fossero disponibili, (II) interessati politicamente, (III) interessati finanziariamente, (IV) frettolosi e imprecisi nella loro ricerca, o (V) infatuati delle proprie teorie.”

È interessante notare che questo era lo stesso manuale di propaganda che i media – tra cui The Daily Beast, Daily Kos e Rolling Stone – hanno applicato durante la crisi COVID-19 per emarginare, screditare, screditare e diffamare i dissidenti.

Quando nel 1964 apparve la prima denuncia degli atti oscuri della CIA ( The Invisible Government ), l’agenzia ottenne segretamente le galere e formò un gruppo speciale per organizzare le recensioni negative. Quando la rivista di sinistra Ramparts Magazine progettò di pubblicare una storia sul finanziamento clandestino e illegale della CIA della National Student Association, l’agenzia organizzò una campagna che l’orchestratore in seguito disse “aveva tutti i tipi di trucchi sporchi per danneggiare la loro circolazione e il finanziamento … Noi Avevamo in mente cose orribili, alcune delle quali le abbiamo realizzate”.

Nonostante i migliori sforzi della CIA per negare e ostacolare un’indagine del Senato sulle sue numerose attività mediatiche illegali, il Comitato della Chiesa ha avvertito nel 1976 :

“Nell’esaminare l’uso passato e presente dei media statunitensi da parte della CIA, il Comitato trova due motivi di preoccupazione. Il primo è il potenziale, inerente alle operazioni segrete dei media, di manipolare o fuorviare accidentalmente il pubblico americano. Il secondo è il danno alla credibilità e all’indipendenza di una stampa libera che può essere causato da relazioni segrete con giornalisti e organizzazioni dei media statunitensi”.

In risposta all’indignazione pubblica e del Congresso, l’allora direttore della CIA George Bush ha emesso nuove linee guida per quanto riguarda la relazione intima.

Le linee guida dicevano:

“Con effetto immediato, la CIA non entrerà in alcun rapporto retribuito o contrattuale con alcun corrispondente di notizie a tempo pieno o part-time accreditato da qualsiasi agenzia di stampa statunitense, servizio di notizie, giornale, periodico, rete o stazione televisiva statunitense”.

Redux Mockingbird

Nonostante le assicurazioni del presidente Bush, l’operazione Mockingbird non ha mai veramente chiuso bottega. La CIA ha continuato ad espandere i suoi tentacoli mediatici in tutto il mondo e nel corso dei decenni.

Un anno e mezzo dopo la proclamazione di Bush, Carl Bernstein, che ha collaborato con Bob Woodward per esporre lo scandalo Watergate, ha rivelato su Rolling Stone che in un periodo di 25 anni più di 400 giornalisti americani avevano svolto incarichi per la CIA. Bernstein ha espresso il suo scetticismo verso l’ammissione dell’agenzia di aver posto fine alla sua crociata per corrompere i giornalisti e controllare i media.

La CIA ha continuato ad agire per punire le critiche dei media alle sue attività e persino per inghiottire un’intera rete che si è rifiutata di cedere. Già nel 1954, diversi amici di Allen Dulles, tra cui l’avvocato e speculatore di Wall Street William Casey, crearono Capital Cities Communications, che nel corso del quarto di secolo successivo divenne un conglomerato mediatico globale. Casey è rimasto nel consiglio di amministrazione della società fino al 1981, quando è diventato – aspettate – direttore della CIA.

Diversi anni dopo il mandato di Casey alla CIA, un rapporto della ABC News ha implicato la CIA in un tentativo di omicidio contro un cittadino americano. Casey si è vendicato chiedendo alla Federal Communications Commission (FCC) di revocare tutte le licenze radiofoniche e televisive dell’ABC.

La CIA ha poi chiesto alla FCC di imporre sanzioni alla Fairness Doctrine contro la rete disobbediente.

Il New York Times ha descritto gli attacchi della CIA contro l’ABC: “Questo equivale a un complotto del governo per commettere intimidazioni”.

Il Times, che in quell’epoca era ancora un paladino della libertà di parola, avvertiva che:

“William Casey, il direttore della CIA, sembra pensare che lui e la sua agenzia siano stati diffamati, ma per citare in giudizio per diffamazione dovrebbe dimostrare una sconsiderata ignoranza della verità e aprire i suoi fascicoli sul caso. Non volendo o non in grado di farlo, sta usando la FCC come scorciatoia per punire. […] Questo è un agghiacciante assalto a una rete e alla Costituzione. Ha bisogno di essere buttato via in fretta”.

Un mese dopo, nel marzo 1985, Casey’s Capital Cities (in cui segretamente deteneva una considerevole quota) sembra aver trovato un’altra soluzione al problema di ABC News: la società ha pagato 3,4 miliardi di dollari per rilevare la ABC, una società quattro volte più grande. I membri del consiglio di amministrazione includevano l’investitore miliardario Warren Buffet e Robert P. Bauman, presidente della società farmaceutica SmithKline Beecham.

Nel suo libro più venduto del 2019, Presstitutes: Embedded in the Pay of the CIA , Udo Ulfkotte, ex redattore del quotidiano di massa tedesco Frankfurter Allgemeine Zeitung (FAZ), rivela come la CIA e l’Agenzia di intelligence federale tedesca (BND) abbiano continuato utilizzare l’infiltrazione pervasiva dei media globali per diffondere propaganda per plasmare l’opinione pubblica.

Ulfkotte ha raccontato che il BND e la CIA lo hanno reclutato mentre era all’università e lo hanno collocato alla FAZ. Un giovane idealista, era entusiasta di lavorare per l’agenzia di intelligence del suo paese. In seguito ha detto: “Tuttavia, guardando indietro, ero corrotto, manipolavo e mi occupavo di disinformazione”.

I gestori della CIA e del BND hanno istruito Ulfkotte su quali storie scrivere, fornendogli informazioni che ha accettato senza verificare i fatti. In un’occasione nel 2005, per coprire il dilagante spionaggio industriale contro le società tedesche, l’allora direttore della CIA James Woolsey ordinò a Ulfkotte di scrivere articoli dicendo che gli Stati Uniti non effettuavano spionaggio industriale.

Ulfkotte cita un agente della CIA che ha detto al Washington Post: “Puoi avere un giornalista per meno di una brava puttana, per poche centinaia di dollari”.

Mentre era in missione in Medio Oriente, Ulfkotte faceva regolarmente rapporto agli avamposti locali della CIA e del BND. Mentre lavorava all’estero come corrispondente estero, scoprì che “ogni giornalista straniero per la stampa americana e britannica era attivo anche per i loro servizi di intelligence”.

Descrive come la CIA ospita i suoi giornalisti catturati in sinecure presso i think tank statunitensi e tedeschi che hanno stretti legami con la CIA e la NATO, dove producono l’opinione pro-USA e spingono per la guerra con la Russia. Il Dipartimento di Stato, dice Ulfkotte, fornisce fondi a gruppi di riflessione che ospitano giornalisti/spie e che promuovono la propaganda della CIA.

Come il nuovo libro di Kennedy , “Presstitutes” di Ulfkotte è stato un bestseller in Germania (per ben 18 mesi) quando è stato pubblicato per la prima volta nel 2013, nonostante un boicottaggio da parete a parete da parte dei media mainstream.

Oggi, i principali organi di stampa liberali stampano regolarmente disinformazione non controllata dalla CIA come notizie verificate.

Nell’aprile 2021, Glenn Greenwald ha rivelato che la storia di successo del New York Times “Bountygate” era in realtà una finzione di propaganda generata dalla CIA. Il Times ha riferito che il governo russo ha cercato di pagare combattenti legati ai talebani per attaccare i soldati statunitensi in Afghanistan. I giornalisti del Times hanno ricevuto questa storia dalla CIA e non l’hanno verificata o verificata. I giornalisti del Times non hanno rivelato che la CIA aveva fornito la storia non verificata.

Solo più tardi, dopo che l’alto funzionario militare statunitense in Afghanistan ha affermato che non c’erano prove a sostegno delle accuse, uno dei giornalisti del New York Times che originariamente aveva pubblicato la storia della taglia della Russia ha ammesso di aver pubblicato un comunicato stampa clandestino di disinformazione della CIA.

Greenwald ha twittato  “Così i media – ancora una volta – hanno ripetuto le storie della CIA senza fare domande: congratulazioni a tutti”.

A seguito dell’esposizione del ruolo della CIA nella fabbricazione del whopper Bountygate, The Daily Beast ha condannato tardivamente l’inganno , anche se aveva precedentemente pubblicato acriticamente molti articoli che promuovevano la narrativa “Bountygate” della CIA.

Ora ha cercato di prendere le distanze dalla truffa. Ben Norton ha twittato il 15 aprile 2021:

In un articolo dell’aprile 2021, “La CIA si infiltrava nei media. Ora la CIA è il media”, scrive Caitlin Johnstone :

“Quindi i mass media hanno promosso aggressivamente una narrativa della CIA di cui nessuno di loro ha mai visto prove, perché non c’erano prove, perché era un’affermazione completamente infondata fin dall’inizio. Hanno letteralmente pubblicato un comunicato stampa della CIA e l’hanno camuffato da notizia”.

Johnstone afferma che la storia del Bountygate della CIA faceva parte di un più ampio sforzo di propaganda per suscitare gli americani contro il ritiro delle truppe proposto da Trump dall’Afghanistan e dalla Germania e per incitare la propaganda anti-russa. La campagna di disinformazione dell’agenzia, secondo Johnstone, è riuscita a far ottenere alla CIA un’esenzione dal “ritiro” di Biden dall’Afghanistan.

Il ruolo del New York Times come promotore della propaganda della CIA è una vecchia storia: dopo l’Operazione Iraqi Freedom del 2001, sia il New York Times che il Washington Post sono stati costretti a scusarsi per le loro storie di armi di distruzione di massa inventate che hanno guidato l’invasione degli Stati Uniti.

A quanto pare, i giornalisti molto rispettati che hanno scritto questi articoli agivano come stenografi glorificati per la CIA.

Johnstone ha detto :

“Al giorno d’oggi la collaborazione con la CIA avviene allo scoperto e le persone sono troppo propagandate anche solo per riconoscerlo come scandaloso. Punti vendita immensamente influenti come il New York Times trasmettono acriticamente la disinformazione della CIA, che viene poi considerata come un fatto dagli esperti di notizie via cavo. L’unico proprietario del Washington Post [Jeff Bezos] è un appaltatore della CIA [Amazon Web Services ha firmato un accordo di cloud computing da 600 milioni di dollari con la CIA nel 2013] e WaPo non ha mai rivelato questo conflitto di interessi quando ha riferito sulle agenzie di intelligence statunitensi per standard protocollo giornalistico. I mass media ora impiegano apertamente veterani delle agenzie di intelligence come John Brennan, James Clapper, Chuck Rosenberg, Michael Hayden, Frank Figliuzzi, Fran Townsend, Stephen Hall, Samantha Vinograd, Andrew McCabe, Josh Campbell, Asha Rangappa, Phil Mudd, James Gagliano, Jeremy bash,

Johnstone ha continuato:

«Questa non è l’operazione Mockingbird. È molto peggio. L’operazione Mockingbird era la CIA che faceva qualcosa ai media. Quello che stiamo vedendo ora è la CIA che agisce apertamente come media. Ogni separazione tra la CIA e i mezzi di informazione, anzi anche ogni pretesa di separazione, è stata abbandonata”.

Parte 2: Il ventre di The Daily Beast e i suoi percettibili legami con la CIA

Robert Francis Kennedy Junior

Il 14 ottobre 2016, The Daily Beast ha pubblicato una retrospettiva sorprendentemente schietta sullo storico reclutamento di risorse mediatiche da parte della CIA.

“Altri giornalisti sono stati minacciati e ricattati affinché collaborassero con Mockingbird”, osserva l’articolo, “e a molti sono state fornite informazioni falsificate o fabbricate sulle loro azioni per generare il loro sostegno alla missione della CIA. Il programma non è mai stato ufficialmente interrotto”. All’epoca, il caporedattore e amministratore delegato di The Daily Beast era John Phillips Avlon. L’editore di Vanity Fair Tina Brown aveva lanciato il popolare sito di notizie online nel 2008. Quando è uscita, cinque anni dopo, una fusione inacidita con Newsweek aveva lasciato The Daily Beast piagnucoloso anziché ruggire. L’arrivo di Avlon ha cambiato tutto. Avlon ha tutte le credenziali dell’iconica spia gentiluomo della CIA, inclusa una vecchia famiglia benestante con pedigree militare, un’istruzione a Yale e uno zelo missionario globalista verso la politica estera e gli affari internazionali. John Avlon, Sr. era presidente di una società immobiliare di New York e fiduciario della George S. Patton Museum Foundation. Nato nel 1973, il giovane John ha frequentato la scuola di preparazione alla Milton Academy in Massachusetts prima di conseguire il BA a Yale e un MBA alla Columbia. Curiosamente, sia la pagina Wikipedia di Avlon che quella del suo migliore amico, l’aristocratico fantasma Matthew Pottinger, notano che i due sono migliori amici d’infanzia e compagni di scuola di Milton, come se questa collaborazione permanente fosse un fatto essenziale per valutare la vita di entrambi gli uomini. Scrivendo per il New York Sun nel 2005, Avlon descrive Pottinger, una delle migliori spie americane, come “come un fratello per me”. Pottinger si è fatto le ossa come giornalista – e, probabilmente, come agente di spionaggio e propagandista – mentre lavorava come reporter principale per Reuters e il Wall Street Journal in Cina prima di servire come ufficiale dell’intelligence dei Marines statunitensi in Iraq e Afghanistan. Nel 2010, Pottinger è stato coautore di un’analisi di intelligence con Michael Flynn – “Fixing Intel: a Blueprint for Making Intelligence Relevant in Afghanistan” – pubblicata attraverso il Center for a New American Security, un gruppo di facciata per il Pentagono, le agenzie di intelligence e gli appaltatori militari che i critici hanno bollato come “il complesso di think tank militare-industriale”. Salendo di rango, Pottinger nel 2017 è diventato membro del Consiglio di sicurezza nazionale sotto Donald Trump. Flynn, all’epoca consigliere per la sicurezza nazionale di Trump, nominò Pottinger direttore dell’NSC per l’Asia.

Sostenendo una posizione dura nei confronti della Cina, Pottinger è diventato vice consigliere per la sicurezza nazionale sotto il globalista John Bolton il 20 settembre 2019 — otto giorni dopo, secondo le attuali stime dell’Agenzia per la sicurezza nazionale, il virus Wuhan ha iniziato a circolare in Cina. La moglie di Pottinger, la dottoressa Yen Pottinger, è una virologa dei Centers for Disease Control and Prevention (CDC) ed è stata una delle prime sostenitrici pubbliche del distanziamento sociale. Dopo che Trump ha lasciato l’incarico, Pottinger è entrato a far parte di un altro think tank collegato all’agenzia di intelligence, l’ Hoover Institute , come Distinguished Fellow . Per coincidenza, Avlon è sposato con Margaret Hoover , che siede nel consiglio di sorveglianza dell’Hoover Institute di Stanford. Margaret Hoover è una sostenitrice della globalizzazione di destra con una serie di credenziali di agenzia di intelligence e di politica estera, inclusa quella di ex consigliere del vicesegretario del Dipartimento per la sicurezza interna. Avlon ha iniziato la sua ascesa alla ribalta con una politica estera da falco, simpatie per lo stato di sicurezza e alcune oscure credenziali antiterrorismo di misterioso pedigree. Le sue affermazioni come esperto di sicurezza e intelligence gli valsero un lavoro come scrittore di discorsi per il sindaco di New York Rudy Giuliani.

Dopo gli attacchi dell’11 settembre, Avlon ha preparato la testimonianza del sindaco al Congresso sulla sicurezza interna e il discorso di Giuliani sull’antiterrorismo all’Assemblea generale delle Nazioni Unite. Avlon è stato il principale scrittore di discorsi e vicedirettore politico di Giuliani durante la sua campagna presidenziale 2007-08 . Il sindaco Giuliani era allora amministratore delegato di una società di consulenza privata di sicurezza e intelligence. Giuliani ha attribuito al Manhattan Institute la direzione di una parte sostanziale della sua piattaforma. Quando Avlon è entrato a far parte del Daily Beast un mese dopo il suo inizio nel 2008, era contemporaneamente membro anziano del think tank Manhattan Institute, collegato all’agenzia di intelligence di destra, che sostiene politiche estere interventiste per raggiungere l’egemonia globale degli Stati Uniti. A proposito, il direttore della CIA di Ronald Reagan, William Casey, fondò il Manhattan Institute nel 1977, tre anni prima di iniziare a orchestrare la “Guerra ai poveri” della CIA in El Salvador, Nicaragua e Guatemala. Il Manhattan Institute ha ricevuto finanziamenti principalmente da fondazioni conservatrici e grandi società – tra cui Pfizer, Philip Morris e i fratelli Koch – per sostenere la deregolamentazione delle multinazionali e ampliare il potere delle agenzie di intelligence e dello stato di sicurezza nazionale.

Dopo gli attacchi del 2001 al World Trade Center, l’Istituto ha costituito un Centro per l’antiterrorismo tattico su richiesta del NYPD. In seguito ribattezzato Center for Policing Terrorism, il suo obiettivo era quello di addestrare le forze dell’ordine e i funzionari dell’intelligence a diventare i “primi preventivi” di futuri attacchi di vittime di massa combinando la raccolta/analisi di intelligence con i metodi di polizia tradizionali.

Il centro ha un programma di collegamento all’estero che colloca i funzionari dell’intelligence del NYPD in paesi stranieri per raccogliere informazioni e condividere informazioni con i funzionari del paese ospitante. Il Centro ha pubblicato libri bianchi sui centri di fusione dell’intelligence, sulle strategie locali di antiterrorismo e sulla polizia guidata dall’intelligence. (Nel 2008, è stato assorbito in un Consorzio Nazionale per la Polizia Avanzata .)

Dick Cheney scelse il Manhattan Institute come sede per tenere un importante discorso di politica estera che giustificasse la guerra in Iraq nel 2006. Nello stesso anno, il presidente Bush scelse anche l’istituto per un discorso che sosteneva l’espansione drammatica dei poteri esecutivi e lodò l’organizzazione per il sostegno ” politiche economiche a favore della crescita che hanno davvero inviato un segnale chiaro”.

Il City Journal del Manhattan Institute ha elencato Judith Miller come redattore collaboratore. Potresti ricordare Miller come la giornalista falco del New York Times nota per le sue profonde connessioni con la CIA e per aver spacciato false informazioni sulle presunte armi di distruzione di massa dell’Iraq a sostegno della guerra espansionistica della CIA. (La Miller è andata in prigione per il suo ruolo nell’uscita illegale dall’agente della CIA sotto copertura Valerie Plame per vendicare l’opposizione del marito di Plame alla guerra in Iraq). Il Manhattan Institute ha mantenuto un team di “politica sanitaria” incentrato sullo smantellamento della Food and Drug Administration (FDA) statunitense – uno spauracchio, all’epoca, per Big Pharma. (Oggi, Big Pharma considera la FDA completamente catturata una sussidiaria indispensabile.) Il ” Progetto FDA ” del Manhattan Institute è stato incaricato di trasformare l’agenzia in un ponte per farmaci innovativi “al culmine di una trasformazione radicale”, finalizzata a ottenere “nuovi risultati scientifici avanza” ai pazienti più rapidamente. La difesa aggressiva dell’agenda della biosicurezza da parte del Manhattan Institute ha coinciso con l’annuncio da parte di Bill Gates del ” Decennio dei vaccini ” e della fondazione di Moderna e del suo nuovo approccio alla medicina con mRNA. Questo era il think tank di destra, corporativo, imperialista, guerrafondaio e amico del settore farmaceutico che fungeva da base per Avlon mentre si faceva da redattore politico, direttore esecutivo e poi caporedattore del presunto liberale The Daily Beast, e poi ha costruito il giornale online in un potente agente ideologico della riformulazione del liberalismo del 21° secolo. Nel 2013, il presidente Barack Obama ha firmato in silenzio un disegno di legge che neutralizzava lo Smith-Mundt Act del 1948, revocando così i divieti che in precedenza vietavano alla CIA di propagandare gli americani. Tale abrogazione, secondo la giornalista Leah Anaya, ha legalizzato le “notizie regolamentate dal governo” nel nostro paese e ha scatenato la CIA a utilizzare “le operazioni di guerra psicologica legalizzate eseguite sul popolo americano”. Il cambiamento nella legge, dice Anaya, “ha permesso al governo di ottenere assistenza per politiche non così popolari, inaugurando un mondo completamente nuovo di libertà del governo per servire propaganda agli americani su un piatto d’argento”. Per la prima volta nella storia della CIA, l’operazione Mockingbird divenne improvvisamente legale. Dopo l’elezione del presidente Trump, The Daily Beast ha ampliato l’agenda anti-russa della CIA – e la necessità di censura – come i principi chiave dell’emergente ideologia liberale con una serie di articoli che espongono come i russi avevano usato Facebook per promuovere i raduni di Trump nel 17 città americane. Robert F. Kennedy, Jr. ha incontrato Avlon nel 2018 dopo che The Daily Beast ha fatto una serie di attacchi contro di lui sulla sua posizione scettica su alcuni vaccini. Kennedy ha sostenuto che gli articoli del The Daily Beast erano pieni di errori e ingiusti. Avlon ha rifiutato di concedere a Kennedy il tradizionale “diritto di replica” che in precedenza si applicava a tutto lo spettro editoriale quando un giornale attaccava un noto individuo per nome.

Kennedy ha descritto Avlon come congeniale ma irremovibile. Kennedy ricorda:

“Aveva una foto di mio padre nel suo ufficio ed era molto amichevole, ma si è rifiutato di permettermi di pubblicare una lettera o qualsiasi altra risposta alle varie calunnie, o di correggere molteplici errori di fatto. L’ostinato rifiuto di Avlon di concedere questo gesto standard di decenza giornalistica di base mi ha suggerito un’agenda nascosta. Pensavo che il Daily Beast stesse probabilmente ricevendo un flusso di entrate pubblicitarie da Pharma. Non mi è mai venuto in mente, allora, che questo potesse essere un programma di un’agenzia di intelligence”. 

Nel maggio 2018, Avlon ha annunciato che avrebbe lasciato The Daily Beast per diventare un analista politico senior e conduttore della CNN. Lì si unì a un altro famoso media Yalie, Anderson Cooper, che offre una spiegazione leggermente più plausibile di Markos Moulitsas ( vedi parte 1) per la sua decisione di lasciare la CIA all’inizio della sua carriera: “Era meno James Bond di quanto sperassi che fosse.”

Nel gennaio 2014, poco dopo che Avlon ha preso il timone di The Daily Beast, ha reclutato Noah Shachtman come suo redattore esecutivo. Dopo la partenza di Avlon, Shachtman gli succedette come redattore capo del The Daily Beast. Shachtman si è laureato alla Georgetown University prima di immatricolarsi all’Università Ebraica di Gerusalemme. Dopo aver lavorato come membro dello staff per la campagna presidenziale di Bill Clinton del 1992, Shachtman si è dedicato al giornalismo freelance.

Dei suoi inizi, Shachtman ricorda:

“Sono stato un giornalista tecnico per un po’. Dopo l’11 settembre 2001, mi sono interessato di più alla difesa e ho scritto più storie su quell’argomento. E ho appena notato che c’era una vera carenza di informazioni là fuori per le persone normali che non erano nel complesso militare-industriale”. Nel gennaio 2003, Shachtman ha fondato un sito web di blog chiamato DefenseTech.org , che è rapidamente emerso come una delle principali risorse del web sull’hardware militare. Nel novembre 2004, Shachtman ha venduto la sua attività di blog per una somma non divulgata a Military Advantage Inc., operatore del sito Web Military.com specializzato in servizi di carriera militare.

Wired: una versione ridotta della CIA

Shachtman scriveva già per Wired quando è stato assunto per la rivista nel 2006. La rivista Wired, fondata nel 1993, è emersa rapidamente come il volto del boom delle dot-com sponsorizzato dalla CIA: “L’abbraccio della rivista di un universo digitale privatizzato ha reso un alleato naturale dei potenti interessi economici che spingono a deregolamentare e privatizzare le infrastrutture di telecomunicazione americane”, scrive Yasha Levine nel suo libro del 2018 “Surveillance Valley: The Secret History of the Internet”.

Il finanziamento iniziale della rivista è venuto dal fondatore del MIT Media Lab Nicholas Negroponte , il cui fratello John Negroponte è stato il primo direttore della National Intelligence, noto per la sua sponsorizzazione degli squadroni della morte centroamericani. La funzione centrale di Wired era quella di “pulire fino all’ultima particella del pensiero progressista dai reportage sul mondo online in via di sviluppo in quel momento e di promuovere una visione pro-militare/pro-corporate/pro-intelligence all’interno della comunità dei media e della tecnologia digitali”, secondo un’intervista che Kennedy ha avuto con l’imprenditore tecnologico Ken McCarthy , che ha vissuto e lavorato a San Francisco negli anni ’90 e ha organizzato la prima conferenza sulla monetizzazione del web. Wired ha rapidamente guadagnato notorietà come punto di smistamento per le chiacchiere delle agenzie di intelligence. Prima di Wired, Mondo 2000 , la rivista tecnologica e culturale originale della Bay Area, rifletteva i punti di vista progressisti e idealisti di molti dei pionieri dell’innovazione tecnologica. Al contrario, Wired, che si è appropriato dell’aspetto e dell’atmosfera di Mondo 2000 e di un numero non esiguo dei suoi dipendenti, ha glorificato le celebrità dell’esercito e delle agenzie di intelligence e gli amministratori delegati delle aziende. Wired ha guadagnato un’enorme importanza nei primi anni 2000 nello stesso momento in cui la CIA ha lanciato la sua società di investimento, In-Q-Tel , per infiltrarsi nell’industria tecnologica e mettere sotto steroidi la Silicon Valley con termini facili e contratti governativi. Timothy Leary ha descritto Wired come ” la risposta della CIA a Mondo 2000 “.

Wired è anche la fonte di un movimento chiamato “Transumanesimo”, che sostiene l’integrazione di esseri umani e macchine. I sostenitori più accesi del movimento includono miliardari e ingegneri chiave della Silicon Valley e la CIA. L’aspirazione al transumanesimo è idealisticamente descritta come “liberare l’umanità dalle restrizioni biologiche” – usando l’intelligenza artificiale, nuove terapie come cellule staminali e nanobot, vaccinazioni e chip subdermici.

Jacques Ellul, uno dei primi pionieri, ha descritto l’elegante capacità del transumanesimo di controllare l’umanità dall’alto in basso nel suo libro “The Technological Society”:

“Per la società psico-civilizzata, l’unione completa dell’uomo e della macchina sarà calcolata secondo un sistema rigoroso, la cosiddetta ‘biocrazia’. Sarà impossibile sfuggire a questo sistema di adattamento perché sarà articolato con tanta comprensione scientifica dell’essere umano. L’individuo non avrà più bisogno di coscienza e virtù. Il suo arredo morale e mentale dipenderà dalle decisioni dei biocrati».

Come mostra Kennedy nel suo libro – ” The Real Anthony Fauci ” – Wired è diventato anche un sostenitore della vaccinazione e uno dei principali promotori della negazione dell’autismo e della ” neurodiversità “.

La stanza del pericolo

Il crescente fascino di Shachtman per lo spionaggio internazionale e le armi spia, il complesso militare-industriale, la sorveglianza, la vaccinazione forzata, l’imperialismo statunitense e il crescente stato di sicurezza nazionale sembra un anatema per i valori fondamentali del liberalismo e della democrazia tradizionali.

Ma aspetta; c’è di peggio: nel febbraio 2007, Shachtman ha annunciato sull’Huffington Post:

“Sto aprendo un nuovo blog per Wired . Si chiama Danger Room. E coprirà “cosa succederà nella sicurezza nazionale”. Ma non parleremo solo di equipaggiamento, anche se otterrai più della tua giusta quota di droni killer, armi elettroniche e minacce nucleari, non preoccuparti. Esamineremo anche nuove strategie, nuovi modi di pensare e nuove tattiche per la sicurezza nazionale. E seguiremo le personalità e la politica che circondano questi sviluppi. Perché all’interno di un complesso militare-industriale che mastica un trilione di dollari all’anno, ci sono molte lotte di potere, sia dietro le quinte, sia davanti alle telecamere. Per cominciare, parleremo con una delle figure più influenti nella ricerca militare di oggi: Tony Tether, capo della DARPA, il braccio scientifico e tecnologico più avanzato del Pentagono. Di solito è riluttante a parlare con la stampa”. Sei anni dopo, la DARPA ha assegnato fino a 25 milioni di dollari per lo sviluppo dei vaccini mRNA di Moderna. Nel gennaio del 2018, la DARPA ha lanciato un programma di minaccia patogeno emergente che considerava il finanziamento di un sostanziale studio di ricerca sul guadagno di funzione presso il laboratorio di Wuhan in Cina. Shachtman si è presentato come un incallito insider del settore della difesa e dell’intelligence. Nel 2008, Shachtman ha descritto i suoi Danger Room Debriefs come “dove chiediamo a persone intelligenti nei settori militare, dell’intelligence e della difesa nazionale di delineare alcuni problemi di sicurezza nascosti e indicare la strada verso soluzioni potenziali, spesso non ortodosse. “

All’inizio del 2010, Shachtman ha autoproclamato i suoi successi in questo modo:

“Quando il National Operations Center del Department of Homeland Security vuole ‘migliorare la sua consapevolezza della situazione e il quadro operativo comune’, gli agenti di azione lì ‘monitorano’ la Danger Room e il livello di minaccia di Wired.com. Questo è secondo un paio di ” valutazioni di impatto sulla privacy ” del DHS individuate da USA Today e dal blog Declassified di Newsweek.

I pezzi di Shachtman hanno esaminato sempre più l’intersezione tra la grande tecnologia e il complesso militare-industriale e il transumanesimo. Ha sondato ” La prossima grande sfida della DARPA : costruirci robot umanoidi realistici” (5 aprile 2012). Ha esaminato come ” il più noto geek del Dipartimento della Difesa ” (il direttore della DARPA Regina Dugan) si fosse dimesso per accettare un lavoro presso Google (12 marzo e 14 marzo 2012). Lì Shachtman ha rivelato come “i bracci di investimento di Google e della CIA hanno entrambi investito in Recorded Future, una società che monitora i social media in tempo reale e cerca di utilizzare tali informazioni per prevedere gli eventi imminenti”.

Nel giugno del 2012, il New York Times celebrava il successo di Wired nella militarizzazione delle ideologie dominanti della Silicon Valley. Wired “ha trovato un pubblico diverso di lettori che non provengono dai circoli di programmazione della Silicon Valley”, ha osservato il giornale.

Il Times ha scritto:

“Sono appassionati di tecnologia sparsi tra basi militari e corridoi labirintici del Pentagono. Nei cinque anni trascorsi da quando Wired.com ha avviato il suo blog Danger Room , ha attirato un seguito costante nella comunità della sicurezza nazionale. Il blog ha 35.094 follower su Twitter , costituisce il 10% del traffico su Wired.com e ha storie stravaganti e allarmanti come quella su un virus che si diffonde attraverso le cabine di pilotaggio dei droni e l’esposizione allo smaltimento dei rifiuti in Afghanistan. Danger Room sembra raggiungere i lettori che a volte i militari hanno difficoltà a connettersi all’interno dei propri ranghi. “’Hanno chiaramente un pubblico al Pentagono’, ha detto Geoff Morrell, che ha lavorato a stretto contatto con un ex segretario alla Difesa, Robert Gates. Ha detto che la statura del blog ha aiutato a persuadere il Pentagono a collaborare con Wired su un articolo di copertina del 2009 su Mr. Gates. (Gates era stato direttore della CIA tra il 1991 e il 1993 durante la prima amministrazione Bush). L’ articolo descriveva Shachtman come un sensibile groupie militare, “l’editore del blog e un “appassionato di tecnologia” autodefinito, “piacevolmente sorpreso quando il generale tal dei tali mi stringe la mano e dice che sta leggendo il blog”.

Shachtman ha goduto delle ampie peregrinazioni internazionali che Langley favorisce nei suoi agenti e risorse.

Secondo una biografia online:

“Durante il suo incarico a Wired, ha pattugliato con i marines nel cuore del paese dell’oppio in Afghanistan, integrato con una squadra di artificieri di Baghdad, ha studiato attentamente la più grande indagine nella storia dell’FBI, ha scoperto problemi tecnici nel programma dei droni degli Stati Uniti, si è intrufolato nel nucleare di Los Alamos lab, ha profilato i guru della Silicon Valley e gli esperti di sicurezza informatica russi e ha subito esperimenti da scienziati finanziati dal Pentagono a Stanford”. Mentre scriveva ancora il suo blog per Wired, Shachtman è diventato un membro non residente del Centro per la sicurezza e l’intelligence del 21° secolo presso il Brookings Institute .

Lo stesso profilo biografico continuava:

“Shachtman ha parlato davanti al pubblico a West Point, all’Army Command and General Staff College, all’Aspen Security Forum, alla O’Reilly Emerging Technology Conference, alla Harvard Law School e alla National Defense University. Gli uffici del Sottosegretario alla Difesa per l’Intelligence, del Sottosegretario alla Difesa per le Politiche e del Direttore dell’Intelligence nazionale gli hanno chiesto di contribuire alle discussioni sulla sicurezza informatica e sulle minacce emergenti. L’Associated Press, CNN, Fox News, MSNBC, PBS, ABC News e NPR si sono rivolti a lui per fornire informazioni sugli sviluppi militari”.

Una conferenza della Harvard Law School del marzo 2011 ha visto Shachtman moderare un panel su “Difesa e deterrenza nella sicurezza informatica e nella guerra informatica”. All’inizio di marzo 2013, ha moderato un panel alla conferenza sul monitoraggio e la biometria della Yale Law School su ” Tracciamento non invadente: biometria, lettori di targhe e droni “.

Rivista di politica estera

Nel giugno 2013, Shachtman ha annunciato che stava andando avanti. “ADDIO, CABLATO. ADDIO, stanza del pericolo. Questi sono stati i migliori anni della mia vita lavorativa; per molto tempo, non potevo nemmeno immaginare di fare qualcos’altro. Ma finalmente è arrivato il momento di qualcosa di nuovo. Comincio oggi come redattore esecutivo alla rivista Foreign Policy ”.

Durante il suo breve periodo alla rivista Foreign Policy, Shachtman ha scritto articoli sulle lotte intestine dell’amministrazione Obama sulle fughe informatiche e sulla furia dei dirigenti dell’industria tecnologica per le rivelazioni che l’Agenzia per la sicurezza nazionale si era infiltrata in Google e Yahoo, “fuggire con comunicazioni private di milioni di loro clienti”. Shachtman ha sfruttato le sue connessioni più profonde e ha pubblicato nell’ottobre 2013 la rivelazione secondo cui i veterani dell’intelligence affermavano che il presidente Obama doveva essere consapevole che “i leader stranieri venivano monitorati dalle agenzie di intelligence statunitensi, e principalmente dalla NSA”.

The Daily Beast

In qualche modo, i poteri che gestiscono The Daily Beast hanno deciso di reclutare, come redattore capo, questo eccentrico con la sua ammirazione per le attività segrete, la sorveglianza elettronica, i droni assassini, le armi ad alta tecnologia, i generali famosi e i cyber criminali. op. In poco tempo, il sito di notizie ha ricevuto consensi per aver infranto storie chiave che hanno supportato le narrazioni animali della CIA, incluso il coinvolgimento della Russia nel seminare “notizie false” durante il processo elettorale del 2016.

“Ci sono tantissimi esempi di propaganda russa”, ha detto Shachtman nel 2017 . “E molto di questo è stato portato alla luce da The Daily Beast. La commissione per l’intelligence del Senato ha menzionato cinque cose che avevamo rotto”.

“Abbiamo usato i nostri team e le nostre risorse tecnologiche e le nostre persone ben fornite come Spencer [Reiss] per inchiodare” un collega ucraino che vive a Staten Island che alla fine ha portato a rintracciare da parte di The Daily Beast “lo strano sforzo di propaganda da San Pietroburgo e la pretesa di essere americani che interagiscono su Facebook”.

Queste calunnie anti-russe, vere o meno, sono tra le ossessioni centrali della CIA.

(Non sostengo che Putin non si sia intromesso nelle elezioni del 2016, solo che i media statunitensi non hanno fatto alcuno sforzo per mettere in discussione il ruolo della CIA nel generare e amplificare la propaganda correlata.)

Shachtman si vantava del lavoro di The Daily Beast con Spencer Reiss, un ex redattore di Wired e corrispondente estero di Newsweek che sponsorizza conferenze annuali in cui si confrontano i CEO di Big Tech come Mark Zuckerberg, Jeff Bezos, Eric Schmidt, Satya Nadella, Jack Ma, Tim Cook ed Eric Yuan spalle con appaltatori militari e titani farmaceutici.

Come il suo fermalibri, Daily Kos, The Daily Beast non solo promuove storie che glorificano la Big Tech, ma polarizzano e infiammano le divisioni politiche, comprese quelle tra democratici e repubblicani, e neri e bianchi, e che spingono le narrazioni sulla paura del COVID-19 . Entro la fine dell’estate del 2021, il sito non aveva più pretese su dove si trovasse. In un articolo intitolato “Lefties Planted the Anti-Science Seed Fueling Vaccine Skepticism” (23 agosto 2021), The Daily Beast ha attaccato la “biotecnofobia” sugli alimenti OGM come fonte di ispirazione per la campagna di disinformazione sanitaria intorno al COVID-19. Quindi, in autunno, The Daily Beast ha avviato una dura vendita per un futuro in stile autoritario: “Una cosa ci salverà da questi pazzi suicidi – Mandati” al fine di “salvare vite e proteggere i nostri bambini non vaccinati” (26 settembre 2021). Questo è stato seguito da “It’s Time to Get Personal, and Nasty, With Vaccine Resisters” (17 ottobre 2021) e un pezzo di successo contro l’Associazione dei consumatori organici “The Green New Deal Activists Spreading Deadly Vaccine Lies” (24 ottobre, 2021), e poi un invito a richiedere le vaccinazioni infantili Paura, miti e compiacenza tra i bambini e la fine della pandemia” (2 Novembre 2021).

A questo punto, Noel Shachtman aveva trovato un pascolo più verde. Ma chiaramente, la sua eredità è rimasta molto viva. E Rolling Stone stava per ballare sulla stessa melodia.

Cooptare la controcultura: la CIA potrebbe ora gestire Rolling Stone?

Il 15 luglio, Rolling Stone ha annunciato che Shachtman “condurrà i contenuti, la strategia editoriale e gestirà il [suo] illustre staff”. Tra i suoi primi inchini all’ascesa di Shachtman, Rolling Stone ha rimosso dal suo sito web, dopo 16 anni, un articolo del 2005 intitolato ” Deadly Immunity ” scritto da Kennedy. Perché tornare così indietro per cambiare il passato? Il pezzo di Kennedy riguardava il Thimerosal nei vaccini. Aveva costruito l’articolo intorno alla trascrizione precedentemente segreta di un incontro clandestino del 2000 tra 52 capi farmaceutici, ricercatori accademici e burocrati della sanità pubblica in un remoto centro di ritiro della Georgia noto come Simpsonwood. Le trascrizioni di Simpsonwood mostrano che i partecipanti stanno pianificando strategie per nascondere un rischio elevato di autismo dell’1,135 % tra i bambini vaccinati – rispetto ai non vaccinati – rivelato da un allarmante studio interno del CDC sul più grande database di vaccini del governo. Rolling Stone e Salon avevano entrambi ampiamente verificato il controverso pezzo di Kennedy prima di pubblicarlo. Sotto la pressione delle aziende farmaceutiche, Salon ha rimosso l’articolo di Kennedy nel 2011 citando una “disinformazione fattuale” non divulgata. Rolling Stone ha difeso fermamente l’articolo come accurato nei fatti per un ulteriore decennio fino a poco prima dell’arrivo di Shachtman. In un articolo intitolato ” How the Anti-Vaxxers Got Red-Pilled “, lo scrittore Tim Dickinson ha annunciato: “La storia non appare più sul sito web di Rolling Stone”.

In quello stesso articolo, Dickinson afferma:

“Esplorare le teorie della cospirazione e l’illusione di massa può inavvertitamente rendere popolare la disinformazione. Quindi vaccinati con i fatti: i nuovi vaccini prodotti da Pfizer e Moderna sono rivoluzionari e sfruttano il nostro macchinario cellulare per salvaguardare i destinatari da future infezioni da coronavirus”.

Mentre condanna Kennedy per aver dipinto Bill Gates “come un miliardario spericolato e irresponsabile che tira le fila delle istituzioni globali”, Dickinson continua avvertendo che: “Anche l’illusione di massa della convinzione della teoria della cospirazione costituisce una crisi della salute pubblica”.

Uccidere l’ivermectina con le bugie

Oltre a rimuovere il pezzo di Kennedy, Rolling Stone si è rapidamente fatto il guardiano ideologico dei dogmi ufficiali del cartello medico sul COVID. Nella sua edizione del 3 settembre, ha pubblicato una storia intitolata: “Vittime di armi da fuoco lasciate in attesa come overdose di dewormer per cavalli sopraffare gli ospedali dell’Oklahoma”. Il presunto “sverminatore per cavalli” era l’ ivermectina, un farmaco antiparassitario ad ampio spettro vincitore del premio Nobel, determinato da centinaia di medici di prima linea e 87 studi peer-reviewed ), per avere una chiara efficacia salvavita contro COVID-19. L’ivermectina ha rappresentato una minaccia esistenziale per l’impresa vaccinale COVID poiché la legge federale vieta la concessione dell’autorizzazione all’uso di emergenza a qualsiasi vaccino se esiste già un rimedio autorizzato dalla FDA come l’ivermectina per il trattamento della malattia bersaglio.

I sostenitori del “solo vaccino” nei circoli governativi, farmaceutici e dei media si sono mobilitati in una campagna di blocco per screditare il trattamento. Continuando la spinta alla disinformazione di Pharma, Rolling Stone ha pubblicato una foto che la rivista sosteneva ritrae una lunga fila di vittime di arma da fuoco in attesa fuori da un ospedale dell’Oklahoma dove, secondo Rolling Stone, i pazienti avvelenati dall’ivermectina occupavano ogni letto disponibile. La foto era un falso. I blogger lo hanno esposto come un’immagine di sette mesi di persone in attesa di scatti COVID. L’ospedale stesso ha smentito e denunciato l’articolo, dicendo che non aveva trattato overdose di ivermectina. Rolling Stone ha rifiutato di ritrattare l’articolo o di scusarsi. Un pezzo d’opinione sul Washington Examiner ha definito il rapporto di Rolling Stone una “bufala”, aggiungendo: “Ma il pubblico non lo sapeva fino a quando l’articolo è diventato virale, amplificato e diffuso in tutto il paese da un media di notizie fin troppo desideroso. , tra cui MSNBC, Yahoo!, New York Daily News, Newsweek e Business Insider. Come Rolling Stone, nessuno di questi media ha pensato di prendere un telefono e ricontrollare [la] storia. Il fallimento qui è collettivo”. Rolling Stone ha anche scatenato attacchi contro l’icona della chitarra Eric Clapton dopo che il cantante aveva confidato che le sue mani erano rimaste paralizzate in seguito alla vaccinazione. Il titolo fornisce un’idea del grado di obiettività di Rolling Stone: “La diatriba anti-vaccino di Eric Clapton incolpa la “propaganda” per l’esperienza “disastrosa”.”

Una volta che Shachtman ha preso le redini, la rivista ha seguito con “Eric Clapton non sta solo sputando sciocchezze sui vaccini: sta finanziando”, che ha ispirato la copertura della camera di risonanza dei media di Big Pharma.

NBC News ha crudelmente strombazzato: “Le cospirazioni del vaccino contro il Covid di Eric Clapton segnano un triste atto finale”. Il Los Angeles Times , di proprietà del titano farmaceutico Patrick Soon Shiong, ha ripetuto a pappagallo: “A Eric Clapton piacciono così tanto questi anti-vaccinisti che sta finanziando la loro band”.

Era anche lontanamente possibile che Eric Clapton avesse subito una reazione avversa ai vaccini e volesse poco più che condividere la sua esperienza? Apparentemente non possibile, secondo queste società di media.

In un ossequioso articolo del 17 ottobre, il Washington Post , ora di proprietà del fondatore di Amazon Jeff Bezos, ha salutato l’arrivo di Shachtman come una “pietra miliare” per Rolling Stone, aggiungendo che “Se reinventare una rivista iconica significa prendere di mira le vacche sacre della musica e trovare modi per gridare dai tetti, sia Noah Shachtman che [CEO] Gus Wenner sembrano pronti a farlo”.

Rolling Stone si è precipitato a tutto gas per pubblicizzare la linea ufficiale sulla pandemia. Un articolo del 25 settembre dichiarava “Gli anti-vaxxer della NBA stanno cercando di spingere intorno alla Lega – e sta funzionando”.

Un titolo del 20 ottobre chiedeva , con disapprovazione, “Un mandato della città farà sì che migliaia di poliziotti di Los Angeles non vaccinati abbandonino il lavoro?”

Il 16 novembre, Rolling Stone ha spiegato : “Come i teorici della cospirazione ed Eric Trump hanno trasformato l’hotel più famoso di Nashville in un quartier generale anti-vax”.

Il giornalismo investigativo di Rolling Stone si è ora trasformato in storie come “Le migliori maschere per il viso per la variante Delta”.

L’editore di Shachtman aggiunge questo spudorato avvertimento:

“I prodotti presentati sono selezionati in modo indipendente dal nostro team editoriale e potremmo guadagnare una commissione dagli acquisti effettuati dai nostri link; il rivenditore può anche ricevere determinati dati verificabili a fini contabili”. Un articolo di Tim Dickinson del 27 novembre ha annunciato : “La variante di Omicron scoperta in Sud Africa potrebbe essere un mutante super-spalmabile. Ecco cosa devi sapere.”

“Cosa è successo al Rolling Stone di cui ci siamo tutti innamorati?” chiede la superstar Ska Dicky Barrett, cantante dei Mighty Mighty Bosstones.

“Rolling Stone era una volta il forum più popolare per l’agitazione, lo scetticismo e il dissenso. Era la voce della controcultura impegnato nella ribellione politica contro gli interessi trincerati e acquisiti, e in particolare contro, i militari e la C di IA a corruzione NTI-democratico. Cosa è successo a “Rage Against the Machine?” Oggi, a quanto pare, Rolling Stone è ‘la Macchina’”. Controllando i media tradizionalmente liberali, la CIA e il cartello farmaceutico hanno portato il Partito Democratico ad abbandonare i suoi elettori principali. I sondaggi mostrano che i membri di base dei sindacati e i neri americani si oppongono in modo schiacciante ai mandati COVID-19 e molti si stanno affrettando a unirsi alla resistenza. L’8 luglio, scrivendo sul blog di notizie afroamericano Black Agenda Report, l’editore della radio pubblica Riva Enteen chiede perché la “sinistra” degli Stati Uniti si sia riposizionata sulla “destra” – allineata con il capitale, la guerra e la repressione”:

“Perché la maggior parte di coloro che erano preoccupati per le implicazioni di vasta portata sulle libertà civili del Patriot Act dopo l’11 settembre ora si fidano dell’FBI e sono entusiasti del fatto che la Silicon Valley stia censurando quasi tutte le “verità” stabilite? Perché la classe “colta” in questo paese è particolarmente incline alla censura? Che dire dei principi illuminanti dello scetticismo, del pensiero critico, dell’indagine e della libertà di parola, tutte qualità che un tempo i “liberali” rappresentavano? Pensare con la propria testa è ormai una pericolosa forma di radicalismo.

“La componente più pericolosa delle fake news ‘MSM’ è probabilmente la propaganda per omissione. Il pubblico non può prendere decisioni informate e intraprendere azioni appropriate, quando i crimini delle élite al potere sono tenuti nascosti da un media complice”.

Enteen osserva che i media mainstream sono passati alla moderna iterazione di Mockingbird, promuovendo l’agenda di biosicurezza della CIA, che fonde il terrorismo con l’esitazione ai vaccini e sfrutta la paura orchestrata dei germi per espandere l’autorità statale. Glenn Greenwald è d’accordo, sottolineando che, secondo la nuova rubrica dell’era post-COVID della CIA, gli “estremisti violenti domestici” [DVE] sono “coloro che si oppongono al capitalismo e a tutte le forme di globalizzazione … derivate da sentimenti anti-governativi o anti-autorità”, e “opposizione alle gerarchie economiche, razziali o sociali percepite”… I DVE sono “soggetti a una vasta gamma di sorveglianza e monitoraggio interni da parte della CIA e di altre agenzie di intelligence, in nome della lotta al ‘terrorismo interno'”. L’attuale Guerra al Terrore interna ha già provocato miliardi in più di spese militari. “E a quanto pare la Silicon Valley ha il compito di decidere chi sono i terroristi interni”, aggiunge Enteen. Il consolidamento del potere della CIA sui media mainstream e sui social media potrebbe essere sul punto di realizzare l’ambizione finale dell’agenzia: dopo 70 anni di ingegneria di colpi di stato contro le democrazie del mondo, la CIA, quest’anno, potrebbe aver finalmente raggiunto il trionfo finale: la demolizione controllata della democrazia americana e la cancellazione della nostra Costituzione.

Le opinioni espresse in questo articolo sono quelle degli autori e non riflettono necessariamente le opinioni di Children’s Health Defense nella sua traduzione in italiano da parte de “I-Coincidenti”.

Dick Russell

ARTICOLO ORIGINALE

PARTE 1   https://childrenshealthdefense.org/defender/cia-liberal-media-outlets-the-real-anthony-fauci/

PARTE 2   https://childrenshealthdefense.org/defender/the-daily-beast-ties-to-cia/

AUTORE

Dick Russell

Dick Russell è l’autore di 13 libri, tra cui “Climate In Crisis”, con Robert F. Kennedy, Jr. (2020), “Striper Wars: An American Fish Story” (2005) e “Eye of the Whale”, intitolato a Miglior libro del 2001 del Washington Post, del Los Angeles Times e del St. Louis Post-Dispatch.

Condividi su