La foglia di Coca dall’Amazzonia Andina alle Corti Europee

Un articolo su come conciliare il diritto delle comunità migranti al godimento della vita culturale (compreso l’uso delle piante tradizionali) con gli obblighi internazionali di controllo della droga.

Dipartimento di Nariño

Negli ultimi anni, Fondazione ICEERS, con il supporto di organizzazioni alleate come il Transnational Institute (TNI), ha assistito nella difesa legale di persone provenienti da un contesto migratorio che sono perseguite in Spagna (o in altri paesi europei) per il possesso o l’importazione di foglie di coca per il finalità di uso tradizionale. Queste persone provengono da paesi con un quadro giuridico che consente l’uso tradizionale lecito della foglia di coca, come Colombia, Bolivia, Perù e Argentina. Questi casi hanno avuto esiti diversi e, quando le persone sono state condannate, la condanna non è stata uniforme. In questo senso, le comunità hanno lottato per esercitare i loro diritti fondamentali per godere della propria cultura, illustrando nuove sfide per i diritti umani e il controllo della droga. Queste sfide devono essere affrontate nel quadro dell’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile,

Quasi due anni fa ICEERS ha celebrato  il risultato positivo di un caso giudiziario  relativo alla foglia di coca a Girona, in Spagna. Dopo tre anni di incertezza, il pubblico ministero ha deciso durante il processo di ritirare l’accusa di traffico di droga nei confronti di un cittadino colombiano residente in Catalogna per aver ricevuto per posta un pacco da 2 chilogrammi di foglia di coca macinata.

Sebbene il ritiro delle accuse contro l’imputato, che era stato accusato di un reato contro la salute pubblica, sia stata una notizia molto gradita per la persona coinvolta, per i suoi familiari e amici e per i riformatori delle politiche in materia di droga, la decisione del pubblico ministero di ritirare le accuse, a differenza di un l’assoluzione o la decisione del giudice di respingere le accuse, non dà luogo ad alcun precedente legale formale che possa essere invocato da altri imputati in circostanze simili.

Lo scorso novembre abbiamo anche appreso dell’ultima decisione del tribunale relativa a un caso relativo al possesso di foglie di coca in Spagna, in cui abbiamo lavorato a stretto contatto con la squadra di difesa per oltre due anni. Questo caso si riferisce alla questione più ampia dell’uso tradizionale di questa pianta, al di là dei suoi contesti autoctoni locali, e di come i migranti dalla regione dell’Amazzonia andina siano privati ​​di una pratica culturale legittima, che è radicata nei luoghi da cui provengono.

Di nuovo sotto processo in Spagna

Un cittadino boliviano di Santa Cruz de la Sierra si è stabilito in Spagna più di un decennio fa. Di ritorno da una visita alla sua famiglia e alla sua madrepatria, è stato trattenuto all’aeroporto di Barcellona in possesso di undici sacchi di foglie di coca: un totale di 4,5 chilogrammi per la masticazione (abitudine tradizionale nota come “pijcheo” nella lingua nativa aymara) e per preparare il tè.

Secondo il pubblico ministero, da questa quantità di foglie si potrebbero estrarre 20 grammi di cocaina (sulla base di test tossicologici che mostrano la presenza dello 0,4% di cocaina), per un valore stimato sul mercato illecito della cocaina spagnolo di 1.153 euro. Si prega di notare l’errore matematico qui: dato il valore citato di 0,4% il totale avrebbe dovuto essere 18 grammi, supponendo una conversione perfetta.  Sulla base di questi presupposti, tuttavia, l’accusa ha chiesto una pena detentiva di quattro anni e una multa di 2000 euro.

Fino a quel momento, il tribunale provinciale di Barcellona aveva assolto persone accusate in casi simili. Tali sentenze, tuttavia, sono state annullate dalla Procura della Repubblica con ricorso in Cassazione, risultando in questi casi in pene a 1,5 anni. In Spagna una condanna inferiore a due anni non comporta la reclusione effettiva, ma la persona in questione ha precedenti penali. Nel caso Girona, in cui le accuse sono state ritirate, non c’era possibilità di assolvere o condannare, facendo di quel caso un’eccezione a questa regola generale. Anche questo caso è stato eccezionale: il cittadino boliviano è stato infine condannato a 6 mesi di reclusione con una multa di 30 euro (correlata al prezzo pagato per le ferie in Bolivia); le richieste di espulsione dalla Spagna sono state respinte.

Come è stato raggiunto questo risultato? Fin dall’inizio ICEERS e alleati hanno sostenuto la difesa, sotto la guida di Ines Berman, elaborando perizie e condividendo informazioni con l’avvocato incaricato del caso. ICEERS ha anche testimoniato come perito al processo.

La strategia di difesa

La nostra strategia si basava su due pilastri: la mancanza di prove di danni alla salute e l’importanza dell’uso culturale tradizionale. In primo luogo, abbiamo sostenuto che la foglia di coca non è elencata nella giurisdizione spagnola come sostanza pericolosa per la salute umana. Inoltre, non esistono prove di effetti negativi sulla salute del consumo di foglie di coca. Abbiamo ritenuto che se la foglia di coca in possesso dell’imputato non fosse destinata alla produzione di cocaina, le accuse basate sul danno alla salute pubblica non sarebbero valide. Allo stesso tempo, finora non è stato intrapreso uno studio imparziale, obiettivo ed esauriente sull’impatto sulla salute della foglia di coca. Una revisione critica da parte del Comitato di esperti dell’OMS sulla tossicodipendenza, l’organismo delle Nazioni Unite appropriato per raccomandare modifiche all’attuale classificazione della coca nei trattati internazionali sulla droga, sarebbe di fondamentale importanza mettere in discussione la base per l’inclusione della foglia di coca negli attuali elenchi internazionali delle sostanze controllate (il Perù e la Bolivia hanno tentato, senza successo, di avviare tale revisione nel 1992). Tale revisione è in ritardo, dal momento che gran parte delle prove utilizzate nel 1950 per mettere la foglia di coca sotto il controllo internazionale attraverso la Convenzione Unica del 1961 sarebbero oggi considerate razziste o non soddisfano standard di base come evitare la discriminazione.

In secondo luogo, abbiamo insistito sul fatto che l’uso tradizionale della coca gioca un ruolo fondamentale nelle società e nelle culture delle comunità andine amazzoniche; qualcosa che portano con sé quando migrano all’estero. Tuttavia, questo diritto fondamentale delle popolazioni autoctone non si riflette nello status legale della coca nei luoghi in cui questi migranti si stabiliscono. Il collegamento della coca al mercato della cocaina, e il suo significato tradizionale nei luoghi in cui la pianta non è originaria, sono alcune delle questioni più impegnative per l’attuale sistema internazionale di controllo della droga  Nella difesa si è cercato di contestualizzare l’uso tradizionale dell’impianto in Bolivia, spiegando i meccanismi di controllo sociale e giuridico in atto nel Paese in cui l’imputato è nato e cresciuto.

Le argomentazioni del Tribunale

Con nostra grande sorpresa, l’argomento principale utilizzato a sostegno della sentenza di colpevolezza è stato che le circostanze costituissero un “reato di pericolo astratto”, nel senso che il mero possesso di una sostanza considerata tossica costituisce una presunta minaccia per la salute pubblica, anche se non il danno è effettivamente fatto. L’imputato, secondo le accuse, ha mostrato  “un totale disprezzo per la salute fisica e mentale”  delle persone a cui avrebbe venduto la foglia di coca.

Curiosamente, sulla base delle loro conoscenze giuridiche e non ostacolati da alcuna sensibilità culturale in merito alla pratica del masticare coca, i giudici lo hanno ritenuto “ un fatto noto” che la preparazione del tè alla coca richiederebbe dalle 5 alle 10 foglie. Per tale motivo, il tribunale ha ritenuto che la quantità in possesso dell’imputato fosse troppo elevata per essere destinata al consumo personale, e quindi destinata ad essere distribuita a terzi. Non solo, il fatto che l’imputato non sia stato in grado di specificare il numero esatto di foglie di coca necessarie per una buona masticazione, o per un litro di tè di coca, abbinato “alla quantità elevata di foglie” (sufficiente per 440 giorni di consumo, sulla base della metrica di una manciata di foglie) hanno stabilito, hanno affermato, il chiaro rischio di conservazione o distribuzione a terzi, mettendo a serio rischio la salute collettiva.

L’assenza di sensibilità culturale nell’interpretazione delle norme rendeva impossibile stabilire una misura chiara del consumo tradizionale delle piante. Quando ci serviamo un caffè ogni giorno generalmente non sappiamo esattamente quanti grammi di caffè utilizziamo per ogni tazzina: “una manciata” di chicchi di caffè è un’indicazione sufficiente.

L’insistenza della difesa sul fatto che l’imputato non avesse intenzione di convertire le foglie in cocaina, oltre alla menzione dell’esistenza di un mercato “grigio” per la coca nella consistente comunità andina che vive in Spagna, si è rivelata un’arma a doppio taglio . Questa argomentazione ha indotto la corte a ritenere che la trasformazione in cocaina non fosse essenziale per stabilire un reato, ma che fosse sufficiente la possibilità di commerciare la foglia di coca stessa. Sebbene ciò costituisse un elemento nuovo che non si rifletteva in precedenza nelle decisioni dei tribunali, non ha tenuto conto della realtà che molti migranti potrebbero non essere in grado di visitare le proprie famiglie o acquistare prodotti locali dai loro paesi di origine, per molti anni alla volta. Questo fatto è stato fortemente sottolineato dall’avvocato e dall’imputato.

Tenendo conto di tutte le argomentazioni, la Corte ha condannato l’imputato a 6 mesi di reclusione e una multa di 30 euro, la metà di quanto avrebbe pagato per i prodotti della coca in un mercato boliviano. Non è stato espulso dal Paese e può continuare la sua vita professionale e familiare in Spagna. Tuttavia, gli anni di incertezza e sofferenza in attesa del processo, e una fedina penale permanente, sono il pesante prezzo che ha dovuto pagare per leggi sproporzionate e punitive sulla droga.

La situazione a livello internazionale

Un buon esempio di recenti progressi incrementali è uno studio attualmente in corso presso l’ufficio delle Nazioni Unite dell’Alto Commissario per i diritti umani (OHCHR) sulle ripercussioni del problema globale della droga per la piena realizzazione dei diritti umani. Numerose organizzazioni, come il Transnational Institute e l’ICEERS, hanno pubblicato raccomandazioni per il rapporto, avvertendo degli effetti problematici quando le piante, come la foglia di coca, sono ridotte per legge e politica a molecole pure e composti attivi. La tendenza a isolare le piante ancestrali dal loro uso tradizionale e culturale è un fattore coerente nei processi giudiziari. Il  rapporto presentato da ICEERS è stato preso in considerazione per l’elaborazione del documento OHCHR, che comprendeva una sezione speciale sui diritti delle popolazioni indigene e l’uso religioso e culturale delle piante ancestrali. L’inclusione del consumo tradizionale di coca nel rapporto finale dell’OHCHR, con riferimento all’articolo 18 del Patto internazionale sui diritti civili e politici (libertà di pensiero, coscienza e religione), riconosce l’uso di sostanze controllate in contesti religiosi e cerimoniali quando esistono prove storiche per questo uso. Anche se il Consiglio per i diritti umani ha chiesto che la Commissione sugli stupefacenti (CND) tenga conto di questo documento nel suo 62 ° sessione, la Commissione ha deciso di non farlo. Durante la sessione CND del 2019, in un dialogo tra la Presidenza delle Commissioni e le Organizzazioni della Società Civile, un rappresentante di ICEERS ha chiesto come gli Stati possano  rispettare e garantire l’uso della foglia di coca da parte dei migranti,  nei termini dell’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile. La presidenza della Commissione ha rinviato la responsabilità, sostenendo che gli Stati hanno flessibilità nel presentare raccomandazioni per la riclassificazione delle sostanze controllate.

Sebbene gli incidenti legali legati al possesso di foglie di coca non siano frequenti, non sono nemmeno più casi isolati. ICEERS riceve sempre più richieste di consulenza legale in materia da tutta Europa, dove le comunità di discendenti dell’Amazzonia andina sono centinaia di migliaia. Le attuali politiche sulle droghe non affrontano questa situazione e comportano sanzioni sproporzionate, considerando che  si tratta di pratiche culturali tradizionali che non rappresentano una minaccia per la salute o la sicurezza pubblica. Il diritto delle comunità migranti alla vita culturale e il loro diritto all’uso delle piante tradizionali dovrebbero essere conciliati con gli obblighi degli stati nell’ambito del regime internazionale di controllo della droga. Lo scontro tra diritti umani e controllo della droga merita la nostra attenzione e una comprensione più profonda. Il nuovo quadro per il dibattito sulle politiche internazionali (Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile) deve rispondere alle sfide generate dalla globalizzazione delle pratiche tradizionali che non sono più limitate a uno specifico territorio o popolazione.

1) – Nel rapporto TNI «Connecting the Dots …Human Rights, illeciti crops and Alternative Development » si raccomanda che «i Paesi veramente impegnati nella protezione dei diritti umani nella politica sulle droghe devono riconoscere che, quando si tratta di diritti indigeni, culturali e religiosi , la piena osservanza richiederà la modifica o la deroga a determinate disposizioni dei trattati sul controllo dei farmaci.

A cura di:  Pien Metaal ,  Constanza Sánchez  e  Natalia Rebollo  Programma
Droga e Democrazia

Immagini:  Steve Willey  | Esercito nazionale colombiano

Condividi su